lunedì 29 agosto 2011

Stephen Malkmus and the Jicks - Mirror Traffic (Recensione)

I segni di brizzolatura dei capelli di SM sono un segno evidente di senenscenza, mentre il suo nuovo album con i The Jicks l'esatto opposto. Una vecchia volpe giunta al suo quinto album solista con produttore Beck (che ha da poco prodotto anche l'ultimo album solista di Thurston Moore "Demolished Thoughts"), dando a questo lavoro un diverso concetto di lo-fi, che assume un fascino che rimanda sia alle tradizionali melodie dei Pavement e allo stesso tempo pesca molto dal calderone dell'indie-rock.
A primo acchitto un album spensierato, con una costante chiave briosa, a cominciare dal singolo "Senator" che ha avuto il compito di lanciare in free download questo "Mirror Traffic", alcuni mesi prima dell'uscita ufficiale. A partire da questa canzone ci si aspettava molto, soprattutto dopo le vicessitudini legate al testo che fa: "I know what the senator wants, what the senator wants is a blow job...", essendo stato poi un problema per le radio trasmettere questo pezzo, SM è stato costretto a cambiarlo togliendo di mezzo il "pompino", sostituendolo con un'altra parola scelta in un sito creato appositamente, dove i fan si sono sbizzariti nel trovare una parola degna di prendere il posto in una frase che ha un fondo di verità innegabile.
Quest'album non ha deluso le aspettative, anzi si può tranquillamente affermare che è uno dei migliori da lui composti. Solamente i nomi e le etichette coinvolte avrebbero garantito un buon risultato, ma qui ci troviamo di fronte ad un lavoro "serio", uno dei pochi che scorre, che ti rapisce e ti fa sorridere. Per certi versi vicino ad alcune soluzioni e sonorità dei Wilco, sin dalla prima traccia "Tigers", oppure nella bellissima "Share The Red". Uno dei pezzi più emozionanti è "Asking Price", apice di questo gradito connubio tra il vecchio frontman dei Pavement e il nuovo solista SM. Un album prettamente agrodolce, con 15 canzoni più una chicca, la bonus track dal nome "Polvo", un capolavoro ineccepibile che rende onore alla storica band statunitense paladina del Math Rock.
Una scommessa? "Mirror Traffic" sarà in molte classifiche degli album più belli del 2011, gli intenditori non potranno lasciarlo fuori.

Voto: ◆◆◆◆
Label: Matador/Domino



0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ