giovedì 10 febbraio 2011

Kanye West - My Beautiful Dark Twisted Fantasy (Recensione)

Io sono un amante dei dischi che hanno sulla copertina il bollino Parental Advisory Explicit Content, sono consapevole di quello che sto dicendo, perché in fin dei conti sono delle stupide americanate. Questo disco dopo una settimana dalla sua uscita negli Stati Uniti ha venduto cinquecentomila copie. Il perché lo si capisce da subito. Quante partecipazioni ha avuto questo disco? Veramente troppe, ne cito alcuni: Eminem, Jay-Z, M.I.A., Alicia Keys, Rihanna, Elton John e tanti altri. L'unica cosa che mi ha spinto ad ascoltare un genere di cui non vado matto (ma rispetto) è stata la partecipazione di Bon Iver. Che secondo me ha spinto moltissimi ascoltatori di musica Indie a vedere cosa aveva mai potuto combinare con un repper di questo tipo.
Mi voglio subito levare il sassolino dalla scarpa, ma quanto si atteggiano questi viziati rapper stra-miliardari? Posso accettare di vedere recensioni positive a gogò di un "musicista" che mira solo a risollevare un attimo le tristi sorti dell'industria discografica mondiale? Ok, per gli amanti del genere questo potrebbe essere un capolavoro, ricco di spunti interessanti, ma a me sinceramente non sono andate giù due cose, prima cosa le campionature di "21 Century Schizoid Man" dei King Crimson in "Power" e "Iron Man" dei Black Sabbath in "Hell of a Life", e mi chiedo come si è permesso di fare una cosa simile, citare in questo modo capolavori del passato mi sembra un orrore immane.
La seconda cosa che non mi è andata giù è il fatto di come si sia parlato di quest'album come innovativo per il genere Rap. Non mi va di accettare singoli come "Runaway" dove le innovazioni sarebbero singole note di pianoforte prolungate per tutta la durata del pezzo, dove nel video ad esempio lui si fa il figo, facendo il pianista di sto c...o?



Poco fa mi sono voluto auto censurare, visto che in questa recensione ci sta molto bene. Pare che album Rap senza parolacce non siano niente. Infatti ad esempio il testo di "Power" che, anche se non mastico molto bene l'americano, traducendolo ho trovato i soliti Fuck e Ma’f-cka, ma all'interno del testo cita anche la Obama-nation. Secondo gli utlimi sondaggi pare che Kanye West sia più influente del presidente, questo la dice lunga, visto che Kanye West lo ha sempre appoggiato in campagna elettorale. In America anche i musicisti riescono a smuovere il consenso e non a caso Kanye West ha confessato di voler diventare il musicista più importante di tutti i tempi. Ci starà riuscendo?
Kanye West è uno dei rapper meglio prodotti in circolazione, e musicalmente alcune novità si sentono, ma non mi spiego come abbia potuto un sito importante come Pitchfork mettergli 10.
Purtroppo o per fortuna non siamo negli States, quindi non riusciremo mai a capire come questi personaggi siano così influenti nella vita di tutti i giorni, forse solo grazie ai media. Perché i testi per quanto possano essere uno specchio fedele del disagio di molti giovani, non mi paiono capaci di trasmettere forti messaggi. Non mi capacito come anche in Italia questo lavoro sia stato pompato a dovere, con recensioni in sintonia dei portali statunitensi. Per quanto a me Fabri Fibra mi faccia cagare, anche lui ha dei testi critici nei confonti della società, contro ad esemipio il presidente Berlusconi, ma non è così influente come potrebbe esserlo un rapper americano. E allora perché Kanye West con il suo album prende voti altissimi qui e Fabri Fibra con "Controcultura" li prende ma non viene esaltato allo stesso modo?


Label: Rock-A-Fella/Def Jam
Voto: ◆◆◇◇◇

0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ