mercoledì 16 marzo 2011

Sprained Cookies - Deliverin’ The Sacred Feathered One Ep (Recensione)

Non molto tempo fa la cosa che mi colpì di più dal vivo degli Eva Mon Amour fu la carica energica ed elettrica del loro set. In particolar modo la chitarra di Maria Corrado De Santis. Un sound ordinato e ruvido allo stesso tempo: scintille rock che saettano alle orecchie, sottili e accecanti. Voglio portare all'attenzione un progetto parallelo del chitarrista della band romana.

Gli "Sprained Cookies” sono un duo formato da Cecilia Frusciante, autrice delle liriche, alla voce e Maria Corrado De Santis che ne ha curato le musiche. “Deliverin’ The Sacred Feathered One” è un Ep di 5 tracce col quale esordisce questo progetto. Emerge fin da subito una sobrietà compositiva e strutturale che si scompone solo innanzi alla forte spinta emotiva del duo: emozioni che attraversano morbide e vibranti, mente e cuore. Negl'intervalli strumentali, soli di chitarra psichedelici si susseguono su basi penombrose decorate con note di organo e mellotron, strumento divenuto popolare alla fine degli anni '70, periodo al quale si strizza l'occhio spesso e volentieri in queste cinque tracce. Canzoni uggiose (“More”) si inacidiscono e susseguono in un'opera dal mood crepuscolare. Psycho-blues sul quale scivola, sotto slide di chitarra e ululanti note di organo, la voce penetrante ed energica di Cecilia (“The Squeak”). Personalmente credo, senza sminuire le altre quattro tracce, che basti anche solo “A Vicious Way” a dare rilievo e importanza a questo Ep. Una ballata folk malinconica e struggente che prosegue in un crescendo passionale delicato ed intenso. La voce si fa vaporosa, gli strumenti si compattano: un momento di catarsi e di commozione che già dal primo ascolto si avvolge attorno all'anima. Se non proverete nulla ascoltandola vuol dire che non avete cuore. In attesa del disco vero e proprio, questo Extended play ben introduce le doti e le influenze sulle quali verte il progetto, in una prova del tutto spontanea, sensibile e coinvolgente che sento di consigliare agli amanti del folk e a tutti coloro in cerca di un ascolto genuino.

Label: 29 Records

Voto: ◆◆◆◇◇



0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ