giovedì 13 dicembre 2012

Lento - Anxiety Despair Language (Recensione)

Le ultime notizie che avevo dei Lento li vedevano ancora parte integrante del rooster della Supernaturalcat, per la quale avevano esordito con Earthen e dato alla luce un piccolo capolavoro sonoro assieme agli Ufomammut, un disco suonato assieme da entrambe le band ben lontano dall'essere un semplice split. Sono rimasto decisamente indietro, tanto che questo Anxiety Despair Language è già il secondo disco (in 2 anni) ad uscire per l'etichetta francese Denovali, e mostra una formazione che non ha certo perso l'ispirazione.

La musica dei Lento è viscerale, violenta, ma capace di portare anche in alto con improvvisi momenti aulici in cui a dar man forte ai 4 componenti della band arriva anche il synth di Paolo Tornitore, fondamentale per valorizzare momenti quasi epici. L'ipertecnica mostrata nei 13 brani di questo album non è quasi mai fine a sé stessa, anche se a volte complicare troppo le cose toglie comunque un po' di mordente alle situazioni musicali, e come esempio assoluto di come la tecnica venga usata verso un fine migliore che l'onanismo possiamo prendere sicuramente “Death Must Be The Place” (citazione cupa del film di Sorrentino?), dove la chitarra si erge a protagonista assoluta come fosse la voce che manca, si zittisce assieme agli altri strumenti per lasciare breve spazio ad una pausa pianistica struggente interrotta per lasciare spazio ad un finale poderoso nella sua coesione. Non è certo l'unico esempio che si potrebbe fare, visto quanto fanno ad esempio anche la title track , maestosa nel suo incedere epico scandito ancora una volta dalla chitarra e quasi malevola quando rallenta e si fa cupa, o la seguente e mutevole “The Roof”, ben conclusa da un finale arioso che sembra portarci verso l'alto...forse non verso il paradiso, ma più in alto dell'inferno sonoro scatenato dai quattro strumenti dei Lento. C'è spazio anche per qualche esperimento azzeccato, come la minimale e quasi jazz “Blackness”, o meno, come la sperimentale deriva noise di “Inwards Disclosure” che rimane troppo fine a sé stessa, ma è anche questo il bello di Anxiety Despair Languages: vedere che la voglia di andare un po' più in là c'è sempre, di non limitarsi a picchiare in maniera granitica fra continui cambi di situazioni come già gli esce bene visto che pezzi come “Underbelly” sono lì a dimostrarlo.

Sono abbastanza digiuno di metal, ma il valore di questo terzo album dei capitolini Lento lo si può intuire anche andando al di là dei gusti personali. Certo non li consiglierei a chi ascolta Justin Bieber, ma visto che i fan del ragazzotto non frequentano queste pagine penso che la maggior parte di chi sta leggendo queste righe un salto ad ascoltare qualcosa di loro dovrebbe farlo...scoprite qualcosa di nuovo ogni tanto dai, aprite i vostri orizzonti!

Voto: ◆◆◆◆◇

Label: Denovali


0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ