mercoledì 13 marzo 2013

Dj only - Aelion Circus (Recensione)

Bologna è una delle città del beat elettronico di matrice techno, ma soprattutto tekno. Dj Only appartiene decisamente alla prima categoria, ad un suono che affonda le proprie radici all'interno di un sound antico ma sempre attuale che sa scendere a patti con la modernità, senza scadere in soluzioni banali o in sofferti minimalismi. L'opener "Mistery plays", atmosferica, si distacca da quello che si sentirà in seguito, rimarrà un episodio all'interno dell'elettronica ambientale, ben fatto, non eccelso. I brani successivi sanno di euro-techno dei primi anni 2000 nei quali si avverte un certo gusto per le produzioni della BXR Recordings dei tempi d'oro, quelli di Mauro Picotto, Mario più, Saccoman, Joy Kitikonti, a volte invece si apre in spiragli trance, spiragli che però rimangono tali lasciando in primo piano il beat atmosferico ma non troppo, duro ma non troppo, che si pone tra il suono mediterraneo e quello tedesco. I brani si susseguono in un ascolto facile ma non per questo poco interessante.

Un disco fuori dal suo tempo e, in virtù di ciò, superiore a molte produzioni. L'altra influenza di questo producer è la Get Physical Records di M.A.N.D.Y. e Dj T, che tuttavia sta facendo il suo tempo. Volendo collocare questo prodotto potremmo dire che ha un po di entrambe le cose, un po' della BXR alla Saccoman e un po' di Get Physical della prima ora. Non male per un artista relativamente nuovo, davvero non male. Sicuramente c'è ancora dell'ingenuità nei suoni e alcuni brani molto di derivazione, ma d'altronde rimanendo sui 4/4, quale sembra sia la missione del Nostro, è difficile uscire dai confini del genere. Vedremo quale sarà il suo prossimo passo. Nel frattempo facciamo un viaggio in un passato mai dimenticato.

Voto: ◆◆◆
Label: T-NNELSERIES

0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ