domenica 20 marzo 2011

Luther Blissett - Bloody Sound (Recensione)

La Bloody Sound Fucktory è un etichetta indipendente marchigiana nella quale si sono riversati tutti quei progetti macabri sospesi tra genio e follia, marcati da un aspetto grandguignolesco non indifferente e puntanti alla frammentazione della forma canzone universalmente concepita. Ho avuto già la fortuna di poter recensire i One Fuck One e Butcher Mind Collapse, e considero "Night Dress", una delle uscite migliori e più promettenti di questo 2011. Ora mi trovo qui a parlarvi di un ennesimo progetto appartenente a questa etichetta così attratta da quegli aspetti borderline del rock e dalla sottocultura musicale in genere. Quasi come un emblema pragmatico, il secondo album dei Luther Blissett titola "Bloody Sound" e già possiamo immaginarci suoni uscire a fiotti dalle casse del nostro impianto, come sangue da una vena tagliata e coagularsi nella nostra psiche. Per poter meglio concepire le scelte stilistiche della band bolognese, è bene ribadire che il nome "Luther Blissett" è uno pseudonimo collettivo usato da un numero imprecisato di performer, in quei movimenti di controcultura artistica. "Bloody Sound" è un massacro musicale con effetto disintegrante. Vortici e deliri sonici, sperimentazione e improvvisazione, free jazz, prog e punk: la giusta colonna sonora all' armageddon. Noise denso e pastoso, nel quale il sax emerge come un animale agonizzante, mentre le percussioni pestano nell'intento di sopprimere la bestia. Incursioni vocali susseguono spasmi chitarristici volti alla distruzione armonica e all'anarchia espressiva nell'esorcizzare la fragilità dell'esistenza tramite lo sfogo passionale e carnale di una musica "sbagliata". Amanti dei Naked City, anche in casa nostra, troviamo pane per i nostri denti e le nostre gengive sanguinanti. Se avete voglia di dimenticarvi l'inconsistenza dell'essere, staccare la spina, smettere di pensare, spaccare tutto, i Luther Blissett potrebbero far davvero al caso vostro...

Label: Bloody Sound Fucktory

Voto: ◆◆◆


3 comments:

Anonimo ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=rb-PKjKAe58

Anonimo ha detto...

bella questa recensione!
grandi luther
ma il tipo dell'articolo avrà ascoltato il disco!?
bho
forse no...

Michele Montagano ha detto...

No non l'ho ascoltato...la copertina mi suggeriva cosa scrivere...

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ