mercoledì 27 aprile 2011

The Casanovas - Hot Star (Recensione)

Diletta "Lady" Casanova (basso e voce) Giacomo Dini (batteria) punto. Il duo toscano sceglie la semplicità come timoniere della propria nave, però a differenza degli altri pirati loro non hanno ossa e teschio, bensì un bel cervello fresco e sanguinante leccato da una statuaria fanciulla.

Undici traccie decise e arroganti, così debuttano i “Casanovas” affiancati da artisti come il “prezzemolo”: Enrico Gabrielli, e Andrea Appino, a quest'ultimo il compito di chiudere un album apparentemente scontato. Un primo ascolto e si sente che non c'è molto di nuovo (rispetto al genere) ma c'è molto da leggere tra le righe; un talento vocale quello di “Lady” da invidiare, in particolar modo dal vivo il duo trasmette una violenza coinvolgente, e riaffiorano vaghi déjà vu. Ottima e ballabile la quinta traccia “Hot Star” da cui viene il titolo dell'album, una delle poche tracce a lasciare l'ingresso alla batteria. “Rosso & Blu” una delle tre tracce in italiano, due se togliamo “Amore a Scampia” cantata e suonata dal proprietario dell'etichetta “Andrea Appino” uno che oltre a non aver bisogno di presentazioni offre un'ottima garanzia a questo vergine duo.”The Walk” ci da la conferma che il duo ha i mezzi...sporchi, ha le idee...luride, questo è sintomo di un buon garage/rock.

Un album che a primo ascolto può lasciare un po' attoniti, non brilla certo in originalità e bisogna assorbirlo prima di percepire tutte quelle particolarità, quelle buone idee che ci fanno ben sperare per il prossimo album. Per ora mi limito a dire che quello dei “Casanovas” è un garage/rock sporco e violento come l'umidità passata ci ha insegnato e tramandato; un ottimo debutto ma prima di sbilanciarmi preferisco pazientare con ansia il prossimo lavoro.


Label: Ice for everyone
Voto: ◆◆◇◇◇



0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ