lunedì 19 novembre 2012

Alessandro Grazian - Armi (Recensione)

Rimane sotto il poeta che è, ma il modo di confidarlo è cambiato profondamente, ora la linea d’ombra di demarcazione tra un certo barocco di ieri e la svolta elettrica e minimalista d’oggi è netta, disincantata e relegata ad una wave gentile, nervosa, ma gentile davvero.

Alessandro Grazian – dopo un silenzio tecnico – torna con “Armi”, l’album della trasformazione, crisalide e farfalla nell’arco di una metamorfosi compiuta, una nuova atmosferizzazione che impressiona in positivo la latitudine in cui l’artista padovano ora si muove, dileggia e rinasce in un immaginario filtrato da scosse e lampi; canzoni sospese e immediatamente dopo cariche di energia, pura canzone d’autore che – tra melodia e grigi cromatici – si fa piccolo capolavoro della nuova stagione che arriva e che in otto tracce, realizzate in collaborazione con Leziero Rescigno degli Amour Fou, riesce a rientrare negli evidenti gusti di un ascolto conturbato e attratto.

C’è il rock, la wave soffusa, la penna raffinata e le visioni di un Grazian di nuovo corso, la duttilità di pezzi d’arte e frequenze sonore che vibrano, allietano e scaricano una poetica gridata “Se tocca a te”, il cortocircuito di nervi che scuote la titletrack per poi farsi unguento lenitivo e uggioso nella sua ondifraga deriva post-rock “Estate”, nella piega nebbiosa dello shoegazer “Nonchalance” o nell’epilettismo orale che riflette lontanissimi CCCPNon devi essere poetico mai”, un disco che passa in rassegna riverberi e larsen d’anima che fanno nodi in gola e inebrianti immediatezze che, specialmente se si sale a bordo di “Soltanto io” - trionfo leggiadro di liquidità e movimento dubbato – ci si rende conto che questo “Angelo risolto” prestato alla musica ha molto da dire e che pulsa incessantemente di eleganza mai invadente.

Grazian si è fatto grande, osa e vince la sfida, le sfide che ogni giorno si appostano davanti, non è interessato alla rigidità dei canoni sonanti, glissa e si riprende quella stupenda libertà di versi e toni che la propria gravità zero gli permette, gli concede e lo premia. Disco di grande potenza interiore.

Voto: ◆◆◆
Label: Ghost Record

0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ