sabato 9 marzo 2013

Ofeliadorme – Bloodroot (Recensione)

Quando mi è stato suggerito di scrivere qualcosa su quest’ultimo lavoro degli Ofeliadorme, ho esitato: vincolata a un’inestirpabile ignoranza e a un’ingenua supponenza nei confronti della musica italiana, avevo candidamente trascurato la carriera della band bolognese, sostanzialmente senza averne mai sentito una nota. Suggerisco un inganno pedagogico, come quando ai bambini viene camuffato il cibo che si rifiutano di mangiare: se mi avessero tacitamente propinato Bloodroot omettendo la provenienza geografica degli artefici, lo avrei ingurgitato obbediente. Non avrei avvertito alcuna traccia di italianità cantautorale nel songwriting, né avrei percepito un dislivello qualitativo rispetto alle sonorità estere: tutto concorre a definire un lavoro consapevolmente internazionale, che conferma le attestazioni di stima collezionate oltre i nostri confini e sancite lo scorso settembre dalla collaborazione con Howie B.

Il proscenio è inevitabilmente guadagnato dalla vocalità di Francesca Bono, dotata di naturale apertura corale e incline a una limpidezza non priva di sfumature; il velluto traslucido della voce si adagia su pulsazioni percussive quasi silenti, spesso frammentate secondo una reduplicazione affine alle sonorità rarefatte elaborate da Martin Hannett, a tratti stravolte in interferenze disturbanti e altrove diluite in un torpore post-rock.
La chitarra, impegnata a intessere trame luminescenti, nella title track acquisisce sonorità wave, stemperate secondo l’estro psichedelico di David Roback. È infatti l’atmosfera trasognata e insieme conturbante di Opal e Mazzy Star a venir adombrata nel connubio tra i sospiri fanciulleschi del cantato e lo sghembo tracciato chitarristico, in un equilibrio cristallino in cui i suoni sono distillati e dosati come estratti medicinali. L’abilità di conservare un’armonia ponderata, attraverso l’evoluzione strutturata nello spazio di una canzone, trasforma il dream pop malinconico di "Ulysses" in una tesa preghiera, mentre in "Brussels" la voce impalpabile si irrobustisce, trascinando in primo piano la chitarra obliqua.

L’elemento derivativo è innegabilmente evidente, ma non segna assenza di esclusiva identità: le suggestioni sono assimilate da una scrittura di singolare compiutezza e plasmate secondo scelte sonore intriganti. Il bloodroot (Sanguinaria Canadiensis) è un fiore dalla linfa di tonalità sanguigna e di alta tossicità, pianta perenne e perciò destinata a lunga sopravvivenza: per il lento, tacito e seducente veneficio degli Ofeliadorme si prevedono effetti prolungati.

Voto: ◆◆◆◇◇
Label: The Prisoner Records

0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ