venerdì 24 agosto 2012

Sonic Flowers - In Altitudine Ep (Recensione)

I Sonic Flowers fanno parte di quella famigliola di fiorellini sbiaditi che sbucano coraggiosamente fuori nelle situazioni ambientali più catastrofiche. Capita di passeggiare in mezzo a una discarica e trovarsi un ciuffetto di margheritine gialle che sembra gridarti disperatamente: "coglimi!". Non profumano nè attirano insetti, ma lottano nella speranza che una pioggia un po' meno acida li faccia crescere e diventare arbusti sani e forti. 

Il loro esordio è un EP intitolato "In altitudine": grunge al punto giusto, a tratti cattivo, ma di quel cattivo che non si cura di nascondere la propria vena malinconica e quasi dolce. Le tracce sono cinque e si mantengono tutte sul filone dell' alternative rock italiano anni 90, un terreno forse quasi del tutto esplorato da un terzetto bergamasco di cui non svelerò il nome (giochiamo a Indovina chi!) ma che conserva ancora qualche zolla fertile per nuove specie di fiori (sonici). La voce di Giovanni Amicone è sporca e graffiata, ma capace di arrendersi a una debolezza sottile nei momenti più delicati e ipnotici, cantando dei deliri e le allucinazioni del proprio animo, così come la chitarra, che trasforma queste inquietudini in momenti di feedeback e dissonanze, scivolando in divagazioni noise. I testi sono percorsi dal (l'apparente?) nonsense del genere, capace di creare la poesia anche dove c'è soltanto una penna e un po' di follia. Nel complesso alcune rime e titoli (come Extralunare, che richiama molto un brano di una già citata band) sono già inevitabilmente sentiti ma il tutto funziona a dovere. 

Il suono generale è ottimo e molto curato, anche grazie al mastering del produttore americano James Plotkin, le canzoni sono ben strutturate e hanno tutti i requisiti per piacere a un qualsiasi appassionato del genere. L'unica pecca è la mancanza di originalità, che è un'inesorabile conseguenza del voler sondare un territorio che ha già dato al mondo musicale parecchio. In conclusione l'esordio dei Sonic flowers è buono, hanno talento, passione e creatività, buoni presupposti per una crescita musicale che permetterà loro, incanalando le loro potenzialità nella giusta direzione, di crescere musicalmente e crearsi una personalità propria.

Voto: ◆◆◆◇◇
Label: Autoproduzione

0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ