martedì 8 gennaio 2013

Paul Kalkbrenner - Guten tag (Recensione)

Berlin calling. La Berlino capitale della musica techno europea, uno dei centri nevralgici di tutta la musica elettronica, una città che ha rappresentato, che rappresenta e che rappresenterà sempre un punto di riferimento. All'interno del variegato panorama di artisti elettronici si staglia la figura del musicista / icona Paul Kalkbrenner, divenuto così famoso in tutto il mondo e persino in Italia, uno di quei pochi personaggi che fanno musica da ballo ai quali interessa nutrire continuamente la propria discografia di full length, e questo è l'ultimo della lista. Un lavoro lungo, intenso e minimalista nel quale le sue radici sono ben evidenti, in un flusso continuo di brani che accompagna il viaggio di chi ascolta, un viaggio che nei 2000 ha conosciuto però una inversione di tendenza. I ritmi allentati, atmosferici, hanno ormai surclassato l'argento vivo degli anni dei grandi beat, lasciando il posto all'elettronica come nenia, trasformando il viaggio acido della Summer of Love in quello sempre più autostradale, di passaggio, tornando al concetto Kraftwerkeriano dell'autostrada, che in fondo è sempre presente nel retroterra degli artisti teutonici e che, in un modo o nell'altro, li caratterizza sempre. E così il viaggio inizia e finisce senza picchi particolari, senza particolari momenti di intervallo o di riflessione, come un monolite che scorre via e che non lascia nulla di particolare se non un già sentito. Kalkbrenner è ormai una divinità e probabilmene suona molto meglio di tanti suoi colleghi, ma non ha nulla di realmente fondamentale da esprimere, se non la sua bravura nella stesura di lunghe suite elettronico - minimaliste, senza infami nè lode. E' un lavoro che i fan apprezzeranno, così come i clubbers interessati alle sonorità più in voga nella patria della Muzak. Non piacerà a chi si aspetta qualcosa di nuovo o di diverso dalla richiesta di mercato, comprendendo con questo anche la situazione italiana.

Voto: ◆◆◆
Label: Paul Kalkbrenner Music

0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ