venerdì 24 maggio 2013

Gli Sportivi - Crazy Love Collection (Recensione)

Solo l'anno scorso usciva il loro album d'esordio Black Sheep, ma a quanto pare Gli Sportivi hanno idee da vendere ed è con colpevole ritardo che arrivo ora a parlare di questi 5 pezzi rilasciati a San Valentino: una manciata di brani d'amore non convenzionali, dopotutto se si chiama Crazy Love Collection questo ep un motivo ci sarà...

Dove ci eravamo lasciati? L'esordio del duo veneziano (Lorenzo Petri a voce e chitarra e Nicola Zanetti alla batteria) era intriso di rock'n'roll e garage rock, un mix di per sé non originale ma che sprizzava personalità da gran parte degli 8 pezzi che andavano a comporre l'album. Questo ep sposta invece il discorso più verso il blues, e non è un caso che nella seconda traccia “Crazy Hazy Kisses” Lorenzo canti “Baby baby baby I play the blues”. I 5 brani pescano in maniera più netta dalla tradizione, non lesinando sui ghirigori chitarristici che paiono però più fini a sé stessi delle invenzioni spiazzanti di cui era condito l'esordio: soprattutto la già citata “Crazy Hazy Kisses” risente in maniera netta di questo “ritorno al passato”, non distinguendosi particolarmente da migliaia di brani simili suonati fin dalla notte dei tempi. Non che manchi l'energia per carità, a partire dall'iniziale “Boom Boom” per arrivare ad una “I Feel Ok” che è puro fulmicotone per tutti i suoi quasi 3 minuti di durata, e le idee funzionano anche quando si pigia sul tasto di una granitica ripetitività (“Hoogie Boogie”) o ancora meglio sulle influenze di frontiera nella meticcia “Mexicali Baby”: pare però che quelle piccole rifiniture che rendevano colme di personalità le 8 tracce dell'esordio siano qui sostituite da una genuina passione per il blues che scalda sì il cuore ma rende la verve del duo meno riconoscibile.

Un passo indietro dunque questo Crazy Love Collection? Sarebbe un'esagerazione dirlo, forse mezzo va là: sta di fatto che se Black Sheep mi aveva convinto abbastanza da alzare la valutazione di un tot questi 5 pezzi, pur lasciandosi ascoltare molto piacevolmente, non riescono a fare altrettanto. Da qui a dire che la band non meriti comunque la vostra attenzione però ce ne passa eh...

Voto: ◆◆◆◇◇

Label: Flue Records

0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ