giovedì 3 aprile 2014

Artisti Vari - L'Inverno Della Civetta (Recensione)

Sarà che sono un'anima semplice, ma io Savona me l'ero sempre immaginata col sole e col mare. Poi sono arrivati Gli Altri a dipingermi uno scenario fatto di cantieri costruiti nella notte, ecomostri e cimiteri a cielo aperto (da “All'Orizzonte”), e ho capito che il mare può essere triste non solo d'inverno. Se poi l'intera scena della zona savonese-genovese decide di mettersi assieme, mischiandosi in formazioni improvvisate, per dare alla luce una compilation che prende il nome de L'Inverno Della Civetta...beh, il disagio rischia di crescere a livelli enormi, anche se il tutto esce a ridosso della primavera. In realtà non è così, e per quanto l'apertura con “Territori Del Nord Ovest” sia una cupa e tenebrosa copertina musicale del progetto all'interno della scena c'è ben di più. Tanto di più.
Perchè dopotutto da un progetto che riunisce membri di Meganoidi, Isaak, Numero 6, Od Fulmine, Kramers, Bosio, Eremite, Gli Altri, The Washing Machine, Giei, Madame Blague, Demetra Sine Die, Lilium, Merckx e Mope (più il non autoctono Izio Orsini di Jackie O's Farm e La Notte Dei Lunghi Coltelli), tutti provenienti dalle città liguri e dintorni, non ci si può certo aspettare un'unica sfaccettatura musicale. Magari neanche la qualità, e invece di quella ce n'è a palate. Perchè in qualunque genere esplorato c'è una gran voglia di fare le cose perbene, con idee non banali e ottime sonorità.
Ma di cosa si compone il menù? C'è spazio per atmosfere ripescate dal flower power dei 60's ibridato con un retrogusto di country polveroso (“Messaterra”), per chitarre dal sapore spagnoleggiante su cui si appoggia un duetto maschile/femminile di sussurranti voci (“Numero 7”), emocore veloce e grintoso (“Amaro”), scintille post-hardcore strumentali dalle distorsioni granitiche (“Bantoriak”). Per i palati che non disdegnano sonorità meno estreme lo chef consiglia gli echi anni novanta dell'alternative rock piacevole ma a tratti scontato di “Chewbacca On Surf””, per chi vuole osare un po' di più è pronta la grinta più rocciosa di “Crisaore”, complice una voce femminile trascinante, ma sono gli estimatori delle prelibatezze apparentemente più ostiche (non ostriche ahahahah e tutti giù a ridere. Dai ridete) che possono leccarsi i baffi. Dai dilatati paesaggi shoegaze di “Morgengruss” (paradossalmente richiamanti i misconosciuti londinesi "Notorious Hi-Fi Killers") all'infinita cavalcata fra post rock e distorsioni stonereggianti della bellissima “Estonia” (impreziosita da dialoghi tratti da Stalker del regista russo Andrej Tarkovskij) è tutto una delizia, anche quando i tempi si fanno meno dilatati ed è la pura e semplice energia distorsiva della conclusiva “The Shivering Tree” ad emergere: stoner fatto come Dio comanda, un finale più che mai azzeccato.

Nato attorno al Greenfog Recording Studio fondato ormai dieci anni fa dai Meganoidi, e benedetto dalla collaborazione di due etichette molto attive nella scena come DreaminGorilla Records e Taxi Driver Records, L'Inverno Della Civetta porta alla ribalta una scena che non conoscevo (mentirei se dicessi di conoscere più di 4-5 dei gruppi elencati più in alto) e meritevole di attenzione senza dubbio alcuno. Ad impreziosire un collage già di per sé affascinante arriva anche la cover di Jessica Rassi, ottima illustrazione di un'artista a tutto tondo vista la sua attività di musicista nei già citati Mope. Un modo ideale per chiudere il cerchio di una produzione fieramente di zona ma dal retrogusto internazionale.

Voto: ◆◆◆
Label: DreaminGorilla/Taxi Driver




0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ