lunedì 2 marzo 2015

Johnny Mox - Obstinate Sermons (Recensione)

A Change is Gonna Come, sembra voler proclamare Gianluca Taraborelli ovvero l’artista attualmente noto come Johnny Mox in questo suo terzo messale discografico; perché Al Green non è l’unico reverendo battagliero e il soul non è solo quello delle parrocchie dell’Alabama e delle rivendicazioni razziali: l’indignazione dell’anima, la predisposizione alla rivolta e lo sguardo fieramente puntato al futuro possono attecchire anche in Italia, anche da un innesto sperimentale con le forme irriverenti del punk. One-man band nel vero senso della parola e perciò unico nel suo genere, Johnny da sempre si ingegna tra loopstation, beatbox vocali e cassa di una batteria per celebrare le sue funzioni laiche; in questo Obstinate Sermons si avvale di Andrea Sologni al basso, a cui si devono anche le registrazioni, Mirko Marconi alle chitarre e Alessandro De Zan degli In Zaire al sitar in una traccia, mentre in tour può contare sulla frangia armata dei Gazebo Penguins.
La chiamata alle armi del preacher man di Trento è sillabata tra l’invocazione gospel e l’ingiuria hip hop: in They Told Me to Have Faith and All I Got Was the Sacred Dirt of my Empty Hands l’elemento black non è quello afroamericano ma quello del piombo, dell’intransigenza morale incanalata in messaggi geometrici ed essenziali che collimano perfettamente con la forma sonora; A War Sermon in meno di un minuto sciorina un coro gregoriano delle mille identità di Johnny, prima che le parole vengano sputate tra i colpi di accetta della chitarra in Praise the Stubborn, raffica di proiettili da residuato bellico risalente all’epoca dei Jesus Lizards. Pronipote di Eddie Cochran è invece il blues bianco dell’arpeggio di Ex Teachers, in cui la voce arrochita tenta di avvicinarsi alla sensualità infera di Mark Lanegan per poi sorprendersi circondata dal codazzo di cantori maledetti in cui Johnny si moltiplica. O’ Brother esplora i territori a me poco familiari e congeniali dei Rage Against the Machine, su cui tuttavia è operata quella scarnificazione, sotto la soda caustica del blues, che riporta tutto a un nucleo vibrante di rabbia umana, seguita dall’attacco frontale di Endless Scrolling, in cui la voce attua uno sgombero forzato sugli strumenti. Il riff elastico e le rime fluide di The Winners illudono sull’identità nazionale del Nostro: anche le fiere rivendicazioni potrebbero smentirne l’italianità, cifra antropologica troppo spesso affetta da ignavia spirituale. Inaspettatamente, Mox ci tende un agguato con la caveiana The Long Drape, blues funeral tirato a lucido come se fosse tratto dalle celebrazioni scheletriche dei Saturnalia dei Gutter Twins; ancor più lontana dalle forme espressive elaborate da Mox, e a cui egli stesso ci ha educato negli anni, è King Malik, lungo esperimento di psicheledia sabbiosa in cui la chitarra desertica accompagna il passaggio di tumbleweed artificiali, spinte dal vento del beatbox indecifrabile.
Menzione d’onore per l’estetica classicamente sobria e concettualmente penetrante della copertina e per la durata, contenuta ma esauriente come quella dei vecchi LP.

Voto: ◆◆◆◆◇
Label: Woodworm/Macina Dischi/Escape from Today/To Lose La Track/Musica per Organi Caldi/V4V Records/Strom Records


0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ