giovedì 7 aprile 2011

Rockrace - S/t (Recensione)

Scrivo di questo disco esclusivamente per monito, una cosa del genere non avrebbe mai dovuto trovare spazio nelle colonne di questa web 'zine, lo faccio per il senso di rispetto la fragilità emotiva che mi scuotono al solo pensiero di chi usa troppo facilmente una parola che ha significato, da Buddy Holly ai Black Lips, una corsa a fari spenti tra vertebre dell'ultimo cinquantennio. Volete il rock? Siete fuori strada, qui tutto c'è tutto tranne che uno straccio di attitudine. La "razza rock" consegnata da questo album ha un impronta heavy/fusion stile dvd omaggio di didattica, si nutre di un background povero e riesce mandare i potenziometri della noia sempre in picco. Dalle parti della band teramana credo si debba ricominciare da capo. Seguite il mio consiglio, serratevi in una topaia dopo esservi caricati di almeno dieci dischi, i più essenziali, chessò Eddie Cochrane, Nuggets, Face To Face dei Kinks, Who's Next, Exile on Main St, Kick Out the Jams, High Voltage e poi boh fate voi, portatevi due damigiane di rum e studiatevi bene la faccia di Johnny/Brando ne "Il Selvaggio". I Rockrace sono la classica band che può piacere solo ai cassieri dell' Auchan ma esclusivamente se uno dei componenti è il loro benzinaio di fiducia, uno di quella miriade di AOR bands che ti fanno rattristare per la totale latenza di contenuti ma al tempo stesso anche ammazzare di risate con gli amici. Otto tracce di rock radiofonico suonato con una tecnica edulcorata e nemmeno troppo sicura. Led Zeppelin, i Beatles più piombi, Black Crowes, neo-hardblues e i Guns più pacchiani sono i modelli da scimmiottare, il risultato che ne consegue è impietosamente nefasto. Questo disco sembra registrato in un tombino, ma purtroppo i quattro non hanno alcuna intenzione di emulare produzioni weird'n'roll e lo fi-punk, non si credono affatto gli Oblivians, ci credono davvero. Basso evanescente, suoni di batteria che fanno sembrare anche i live di Tony Santagata alla festa della porchetta un opera di Steve Albini e poi una chitarra piccola piccola, spesso al limite della scordatura e relegata in un angolo da un missaggio all'italiana della peggior fattura. A volte le linee di tastiera riescono a tramutare una power ballad in un brano del Baglioni anni'90 per poi lasciare spazio ad un apoteosi di fill di batteria paranormali ("Something"). "Poet's Coffee" potrebbe quasi sembrare avant-rock del mid-west: parte Hammond groove alla Artwoods, cresce Steve Vai oriented e termina con una cavalcata di batteria no-sense. La cover della Lennoniana "Don't Let Me Down" riesce persino a farmi rimpiangere Alex Baroni con la sua coda piena di sovrapposizioni corali, una geniale opera di arrangiamento in studio da far ascoltare a tutti i seguaci dello spectoriano wall of sound e di Joe Meek, per fargli capire che non ci hanno mai capito niente. Il Rock è una cosa seria e non possono bastare una t-shirt dei Motorhead e un artwork che sembra la pubblicità di un after-shave, l'inganno rischia di durare troppo poco.

Label: Ideasuoni

Voto: ◆◇◇◇◇



50 comments:

Anonimo ha detto...

Ciao Lorenzo,
ti ringrazio per la recensione, mi spiace che il disco non ti sia piaciuto, spero che il prossimo ti entusiasmi almeno un pò...
Grazie sopratutto per Exile on Main St e Kick Out the Jams, Band che non conoscevo e andrò ad ascoltare sicuramente.
L'unica cosa che sento di scriverti è che la musica non è una competizione sportiva, in cui vince il più veloce o quello che salta più in alto, ma pura emotività.
A dispetto di quanto puoi pensare non c'è stato un lavoro di studio mirato a rendere il disco il più radiofonico possibile...e la maglia dei Motorhead la indosso da anni.
Grazie
Antonio Gambacorta

Lorenzo Larry Falcone ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lorenzo Larry Falcone ha detto...

Ciao Antò, ecco per l'appunto c.v.d...Exile On Main Street e Kick Out The Jams non sono band ma rispettivamente due dischi, tra quelli che conosce pure mia nonna, di Rolling Stones e MC5...di questo si parla. Poi non ho mai detto che il disco abbia subito una cura per renderlo radiofonico ma che la musica nel suo contenuto è banalmente mainstream anzi la produzione è talmente terrificante che annula anche tale intenzione.

Anonimo ha detto...

Avevo capito dei Rolling Stones appena dopo aver scritto il commento.
Complimenti a tua nonna ma io gli MC5 non li conosco.
Per il resto del tuo commento..pensavo fossi un pò più professionale, io non sarò Keith Richards ma nemmeno tu sei un critico musicale universalmente riconosciuto.
ho capito che non ti piace il mio disco, però abbassa il tono, altrimenti da considerazioni musicali diventano offese personali. e non ti consiglio di farmi incazzare.
Antonio

Lorenzo Larry Falcone ha detto...

ciao :*

Anonimo ha detto...

caro lorenzo, prima di criticare così un batterista come glauco dovresti pensarci bene due volte. Glauco è un'INSEGNANTE che ha una grandissima esperienza e calca palchi da una vita, tu non sei nessuno per poterlo criticare in una maniera così dura e dovresti vergognarti.

Anonimo ha detto...

anche perchè sei anche tu un batterista, ma non come Glauco che almeno c'ha cuore e palle,ma sei di quelli ridicoli vorrei ma non posso...anzi ma non POSER...proprio tu che di magliette, cappellini e tatuaggi e scarpette te ne intendi dici ad antonio della t shirt dei motorhead...ahahahahah...arva' ala scola da alfredo e fatti un bagno di umiltà prima di sputare sentenze in questo modo sul lavoro degli altri...ma chi sei il morgan di collatterrato...ahahahahahaha.....

Lorenzo Larry Falcone ha detto...

tana per Infamozzi

Anonimo ha detto...

Non riesco a capire queste inutili discussioni, Larry ha semplicemente espresso la sua opinione, se una persona non vuole esporsi al giudizio del 'pubblico e della critica', non dovrebbe neanche pubblicare un disco. Mi sembra inutile usare termini come 'non farmi incazzare' e soprattutto denota anche scarsa maturità.
Ma soprattutto cazzo non sai chi sono gli MC5?! La giusta risposta sarebbe stata 'per te c'è il ponte S.Francesco,vai va'.

Tony

Sabatino ha detto...

Io il disco l'ho acquistato in un bar (costretto dal mio amico barista) e poi sentito: mi ha fatto abbastanza pena...
Oltre alla chitarra sempre scordata , le assurdità della batteria, gli stacchi spesso fuori tempo, i suoni fatti veramente male, i cori pessimi, gli arrangiamenti raffazzonati, la scelta delle cover da storpiare, ci mancavano solo le minacce via web dell'autore offeso da una critica secondo me nemmeno troppo cattiva.
Non vi ingallettate ma cercate di migliorare dai!

PS Mi fa ridere chi critica il critico con delle critiche quando la situazione è critica

Anonimo ha detto...

io volevo fare un commento ma sabatino ha riassunto tutto quello che volevo dire.

Andrea

Anonimo ha detto...

cazzo quanto fa cagare sto disco..ma sembra un live davvero!!!Come si fà!
Luca

Anonimo ha detto...

Io ho comprato il disco e devo ammettere che è una presenza fissa nel caricatore cd della mia Uno. Già solo la cover dei Beatles presente nell'album vale l'acquisto. I cori presenti in quel pezzo ad esempio, di Nicoletta Dale mi pare, sono da brivido.
Un saluto,
Pasquale.

Anonimo ha detto...

Il wha-wha di Morello, la voce di David Coverdale, la batteria alla Nick Mason, il basso ipnotico e preciso tipico del Pastorious più sbarazzino, tutto questo spruzzato con un pò di atmosfera e di gioia di vivere, mista a maturità ed esperienza.. questo rappresenta per me questo stupendo lavoro dei RockRace.. Antonio se posso darti un consiglio 'fregatene' delle critiche e continua così anzi NEVER GIVE UP!

Lino

Anonimo ha detto...

Il cd dei Rockrace è per me un'opera perfetta.. non avevo mai trovato un cd che funzionasse così bene per evitare l'autovelox degli sbirri..
Icaro

Anonimo ha detto...

faremusika e dintorni dovrebbero hardere. Sono preoccupato per i ragazzini allevati da sti tipi..ma almeno i diplomi ce l'hanno?
ClaudioP

Anonimo ha detto...

Caro Claudio sono totalmente in intonia con te, se penso alle "nuove leve" lasciate nelle grinfie di tutta quella gentaglia fusion amica delle istituzioni mi viene il vomito, ho personalmente riscontrato tale preoccupazione in tantissimi musicisti teramani della cosidetta vecchia scuola.
PS per Larry ...hai colto nel segno...risentemdo il finale di Something ho avuto un mezzo infarto
Alex

Anonimo ha detto...

L' invidia è una brutta cosa...ma poi so Lorenzo Falcone chi è? con che titolo si permette di recensire,nel bene o nel male,un album? ..........su google se si digita GLAUCO DI SABATINO appaiono un marea di pagine su di lui, ma se digiti LORENZO FALCONE non esce proprio un cazzo......

Anonimo ha detto...

Pure se cerchi Silvio Berlusconi escono un sacco di pagine ma non necessariamente significa che sia una persona da stimare, anzi, nel caso del nano...
Non conosco i Rockrace ma penso sia diritto di chiunque esprimere il proprio parere e per una band è una condizione normale quella di ricevere critiche seppur così dure...
Cordialmente
Cazzetti Marcello

Anonimo ha detto...

marcè basta che clicchi su una qualsiasi delle pagine per capire..

Anonimo ha detto...

Il rock heavy-punk con inflessioni hard metal anal ormai è caduto in disuso e si evince da quanto scritto dal suddetto che sbiriguda la supercazzola, tapioca a destra molto rock e poco roll. Poi se uno calcola che negli anni ’50 e ’60 le contaminazioni dei Big Dick e Fucking Brain iniziavano a dare un impeto crativo a tutta la corrente East Cost how much does it cost...tutto il Glam/Psycho/Haed/Facial ne esce completamente demotivato. In questo contesto Funky/Head House/Heavy/Progressive potrebbe inserirsi un disco del genere. Un Pop Porno dove tutti i protagonisti hanno il pisello sintonizzato a regola d'arte sull'indiscusso padre di quello che oggi viene erroneamente chiamato "filone split screen". Io di mio dico che non è bello quel che è bello ma l'amore non è belo se non è litigarello, Lunga vita a Nek e a tutto il filone Grunge/jungle di cui Toni Santagata è stato pionere.

dvabadstudio ha detto...

ciao larry sono alfredo come stai mannaggianind

Anonimo ha detto...

Chi imbraccia una chitarra elettrica per suonare rock e non conosce gli MC5.. è cortesemente pregato di poggiarla!

Lorenzo Larry Falcone ha detto...

ciao alfrè, si nu chiov

Anonimo ha detto...

gli MC5 fanno schifo!!!!

Marco Borra ha detto...

Mi introduco in questa discussione per dire che chi pensa che gli MC5 fanno schifo è giusto che si butti in un fosso..

Anonimo ha detto...

lo gnegno LO GNEGNOOOO!!!!!

Anonimo ha detto...

ognuno ha i suoi gusti musicali e io dico che gli MC5 fanno schifo....a voi non piace il cd dei Rockrace?buttatevi da un fosso!!!!!

Anonimo ha detto...

non capisco, ma la stroncatura è al lavoro del cd o ai componenti della band? Ancor più confusa da alcuni commenti da stadio (ad esempio sul conoscere o meno gli MC5 per poter suonare).. Il recensore-critico, che seguo per i suoi articoli nonchè per scelte musicali, a mio parere stavolta ha avuto una caduta di stile.
Lorena

Lorenzo Larry Falcone ha detto...

cara Lorena la "stroncatura" è al cd e basta.

Anonimo ha detto...

lo gnegno!!LO GNEGNOOOO!!!

Anonimo ha detto...

Quoto alla grande i commenti su "faremusika" i cui fondatori hanno avuto almeno la pudicizia di aggiungere una "K" perchè di "musiCa" non si tratta. Una scuola di musica non faccia studiare solfeggio non sta nè in cielo nè in terra (ma solo a teramo appunto). Non giudico il livello di preparazione degli insegnati (o presunti tali) visto che c'è anche gente seria e con le palle, tipo Gianluca Caporale. Ho l'impressione che da quelle parti si faccia un po' tutto a cazzo più per le mamme che per gli alunni. Poi l'amicizia con le istituzioni teramane che più propriamente chiamerei "mafia" parla da sè. Mi dispiace solo che i ragazzi che vanno lì,quando scopriranno la musica con la "C" e vorranno imparare davvero a suonare uno strumento, dovranno ricominciare tutto da capo.
Per l'album: secondo me è il solito rock rifritto che non ha nulla da dire nè da aggiungere. E poi basta con "vergognati", "attento a non farmi incazzare" e frasette da bulli delle medie. Ognuno la pensa come cazzo gli pare e piace.

Anonimo ha detto...

Sante parole. Se posso permettermi, due consigli ai FAREmusicisti:
http://www.youtube.com/watch?v=1Z6PPrr29ts
http://www.youtube.com/watch?v=oDbAxhV2ofM

Chiara

Anonimo ha detto...

Mmmmh...ma è una recensione, un gusto personale, se è questo è questo...bisognerebbe accettarla così com'è, come ci saranno altrove recensioni migliori...non è che poi sia stato stroncato un disco con una produzione impeccabile, ovvio che certe "pecche" saltano fuori...
inoltre glauco è un ottimo batterista, ma ci sono anche un milione di stili, ringo starr non mi sembra tutto sto macellaio della batteria ma se cercate su google DOVRESTE trovarlo. Comunque non per difesa di Lorenzo, ma per gusto personale, ce ne vorrebbero di batteristi come lui.
Non vi era stato chiesto, infine, da quanti anni indossate la maglietta dei motorhead, ma scriveva Lorenzo che non basta quella per fare del rock.
Io in effetti non sono bravo a farlo, sarà che il gatto me la riempì di buchi quand'ero bambino...

Per quanto riguarda fare musika anch'io quasi concordo, credo però che se a 12 anni ti ritrovi con 4 gibson in mano ed una steve vai, allora la colpa è dei genitori ahahah! L'insegnante deve eseguire un buon lavoro ma un allievo che cresce tentando di emulare virtuosismi di virtuosi ventennali cresce male, io iniziai con giro giro tondo ad esempio e fortunatamente riesco ad apprezzare tutto ora, soprattutto i non virtuosi ma meglio ancora le critiche che (giustamente) ricevo in primo luogo da me stesso...

http://www.youtube.com/watch?v=I4JdkKguvUk

vi lascio il link di un mio video live e del mio rock, io sono quello con la tastiera imballata. A presto!

Anonimo ha detto...

(ah scusate dimenticavo, il video della bambina di 5 anni che suona johnny cash mmmh sarebbe da paragonare ad un diciottenne che suona john petrucci (fare musika style)...non voglio criticare i gusti, però io preferisco la bambina! No, non sono il papa...) buona giornata!

Anonimo ha detto...

per carità il disco non sarà eccezionale, si notano molte ingenuita' tipiche dell'opera prima e la mancanza di una produzione di spessore, anche se il genere che i 4 suonano è in linea con quello che fanno da sempre specialmente rudy, e non vi terovo grandi pecche stilistiche, ma il fatto di recensirlo e paragonarlo ai grandi nomi con esiti esilaranti mostra le corde...si tratta secondo me della solita vernecchia alla teramana, fatta di musicisti che prendono per il culo altri musicisti(....."ammazzarsi di risate con gli amici ahahahaha"), ed è per questo che a teramo ci ritroviamo BigMafia(ruba)Idee con la bandabardo ogni anno e fareskifo con la sQuola di musika in nero che non rilascia fatture tanto ci sono i fondi pubblici...
i musicisti"alternativi" si sono sempre parlati alle spalle e presi per il culo e boicottati da sempre a teramo ecco perchè non c'è mai stata ne' ci sarà mai una scena alternativa e questa recensione è l'ennesima riprova di questo.....a mio modesto avviso neanche da recensire come dice il buon larry, ma allora perchè?....

Lorenzo Larry Falcone ha detto...

perche me l' hanno chiesto nè più nè meno..io scrivo recensioni il resto sono solo pippe che vi fate voi. gentili saluti

Anonimo ha detto...

Lui scrive solo recensioni, se non la pensate come lui vuol dire che vi fate le seghe mentali.

Anonimo ha detto...

lo gnegno...LO GNEGNOOO!!!!

Anonimo ha detto...

scusa ma chi te l'ha chiesto?
e che fai le recensioni a comando?

Anonimo ha detto...

grande larry

Anonimo ha detto...

il batterista spacca, ma gli altri sembrano persone di plastica!

sergio

Anonimo ha detto...

lo gnegno...LO GNEGNOOO!!!!

Anonimo ha detto...

Ma uno non può fare una recensione che partono le lotte in stile asilo? Perdipiu con bambinata sull'ammazzarsi se nn si conoscono gli mc5?!? Fate la gara? Allora dai scrivo anche io tre stronzi e vi mando a fare in culo se non li conoscete. È proprio questo il bello di chi ascolta musica no? Tenersi stretto quello che sai, sia mai un altro poi fa più bella figura sulla webzine! Puahaha! La lotta tra le scene! Nemmeno a 14 anni! Ahaha! Non avete proprio un cazzo da fare, beati voi! La recensione è un'opinione e stop, in quanto ai commenti dopo c'è veramente da chiamare la maestra! Alzate il culo e fate qualcosa invece di reprimervi da frustrati qui, sembra la lotta tra poveri, davvero mi fa pena, quelli che continuano a rosicare rovinano la scena perché perdono il loro tempo appunto, a rosicare!Cmq se nn altro il sito ha più click;)

Anonimo ha detto...

certo che si possono fare le recensioni, ma perchè allora non disabilitate i commenti, cosi' le vostre opinioni sono incontrovertibili e noi ci andiamo a fare tutti le pippe su youporn...

Anonimo ha detto...

Sarà che si stronca solo il cd, ma a me pare che nella recensione non si risparmi nessuno (componenti della band, fonici, produttori, persino la grafica)... sembra che il recensore ne abbia fatto quasi una questione personale, però posso sbagliarmi, per carità, non voglio alimentare polemiche.

Anonimo ha detto...

lo gnegno lo gnegnooo!
T.F. Infamozzi

Anonimo ha detto...

A parte il fatto che alle sagre bisogna suonare bene,altrimenti il pubblico va via e ti lascia solo sul palco,ma Tu chi sei per poter dare giudizi così estremi e dispregiativi? Toni Santagata, per tua conoscenza,visto che "ignori",si è esibito,da protagonista, nei più raffinati club italiani ,nei teatri nazionali ed esteri più importanti,per un totale di oltre 4.500 spettacoli(Ti risultano il Madison Square Garden di New York, l'Auditorium di Mosca, il Coliseum di Buenos Ayres,il teatro di Praga, la Royal Albert Hall, Le Bobino di Parigi, La Sala Genevieve di Bruxelles,ecc. ecc..ecc...e tutti i più rinomati teatri Italiani? E il recital al teatro Carignano di Torino? e le oltre 220 repliche al DERBY CLUB di MILANO? E Tutti i più esclusivi locali notturni italiani?....) E vanta anche oltre1.500 feste di piazza,nobilissime, dove devi avere i c....per tenere inchiodato un pubblico per due ore e passa!Ma la vogliamo finire di denigrare grandissimi professionisti che ti insegnano cosa significa incidere oltre 500 brani nelle più prestigiose Sale di registrazione Italiane, con i migliori fonici? E basta,non se ne può più di queste...."stupidate".
Antonio Nascamelino

Anonimo ha detto...

lorenzo, Y U NO like it?

Anonimo ha detto...

si ma la cosa più bella in tutto questo è la gente viscida che commenta in anonimo che comunque viene sgamata facilmente perchè non c'è furbizia neanche ad essere infami. Ciao a tutti Federico Falconi

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ