giovedì 5 maggio 2011

Hattori Hanzo - Eau de Punk (Recensione)

''It's only rock'n'roll but i like it'' diceva un giovane Mick Jagger.

''Sono solo canzonette'' diceva un più vicino a noi Edoardo Bennato.

A noi piace però: la semplicità, l'immediatezza, la melodia, il cazzeggio, il movimento di chiappe.. ne abbiamo fottutamente bisogno. Gli Hattori Hanzo, sono un super-power-combo (mi piace molto usare tali termilogie) piemontese dedito a tutto questo. I quattro sono attivi dal 2004 e sanno cosa vuol dire la gavetta, cosa che in questi ultimi tempi è una cosa più unica che rara. Partendo da Alessandria, oramai 7 anni fa, hanno girato l'Italia arrivando a toccare quasi la quota dei 200 concerti. E' uscito a fine 2010 il loro ultimo lavoro: ''Eau de Punk''. Mi colpisce già dall'artwork, minimale ma curato, cosa che non dispiace mai. Beh volete sapere come suonano? Fanno dell'onesto punk-r'n'r-garage che certe volte va a scontrarsi anche con della sana psichedelia. Pensando a dei paragoni, concentrandomi sula voce, immagino uno scontro tra Toffolo e l'Agnelli della 'Sinfonia dei Topi''. Non eccellente o superlativa tecnicamente ma da notare per i testi sempre ironici, taglienti, originali e per l'interpretazione carismatica e personale. Questi sono un pò i tratti che riassumono tutto il disco. Niente di eccezionale, nessuna scelta tecnica incredibile, ma onesto r'n'r arrangiato benissimo e molto espressivo. Musicalmente questi ragazi sono molto vicini, secondo me, all'approccio musicale dei 'tre ragazzi morti e contenti'. Il lavoro è prodotto molto bene e suona veramente bene. L'appunto che mi sento di fare agli Hattori Hanzo è solo quello di cercare di continuare sulla loro strada, creando un loro Suono distintivo. Infatti, anche se tutte le tracce dell'album si attestano su un buon livello compositivo, i ragazzi esprimono se stessi al meglio in pezzi come 'Qui è gia buio' o 'Trasparente', dove si nota di meno la vicinanza con i gruppi a cui devono certamente qualcosa ma anzi dove si comprende appieno come gli Hattori Hanzo siano un buonissimo gruppo da seguire e supportare.

Label: Autoproduzione
Voto:


1 comments:

Anonimo ha detto...

Bella lì!!bella recensione!bravi gli hattori :)

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ