martedì 24 gennaio 2012

Modotti - Migranti (Recensione)

Modotti - MigrantiModotti, omaggio all'attrice e fotografa friulana Tina. Un power trio ferrarese giunto al secondo atto con Migranti, una convincente miscela di post-math rock e hardcore, quasi come a veder sfilare tutte insieme nel lettore band come Unwound, Shellac, Slint e Bastro, coniugate all'italico idioma e sotto forma di una passione travolgente per le sonorità proposte. Chitarre affilate come rasoi e un comparto ritmico nervoso sono la giusta base sulla quale i Modotti costruiscono le fondamenta per tematiche come incomunicabilità, rabbia, paura e amore. Una grande perizia tecnica che si sviluppa in otto episodi di forte impatto, avvincenti e diretti come un pugno allo stomaco. Dalla partenza post-core di "Stazione Termini", nell'attesa di una rivoluzione ("in queste strade sconvolte dal caos/Siamo qui per dirti/Stiamo partendo verso un mondo diverso/Da questa stazione...), ai strumentali risvolti jazzati su geometrie di "Ray", si accoglie timidamente la malinconia di "T(E)ss", (richiesta di salvezza di un amore oltre i propri limiti), e si scuote la testa sulle impennate abrasive di "Glossolalia". A dar man forte arrivano a puntino le dissonanze instrumental di "J. Curcas", i vuoti esistenziali, le teorie scientifiche e gli elementi naturali di "Boyle" e la coralità sul finale della bordata punk "Migranti" ("Migrazioni Contaminazioni/Case lasciate/Persone abbandonate/Chi si muove e chi sta fermo")


Migranti nasce grazie ad Upupa produzioni e Fooltribe ed è stato registrato da Giorgio Borgatti (Three in One Gentleman Suit) all’ Igloo Audio Factory, di Enrico Baraldi (Ornaments) e Andrea Sologni (Gazebo Penguins), credits degni di nota per un album altrettanto interessante.
I Modotti al secondo giro centrano appieno il bersaglio con un disco che, nel riesumare sensazioni del passato, riesce a ripresentarle con una vena sincera e passionale. Una nota di merito va anche al bellissimo packaging a cui a quanto pare sono soliti abituarci (il precedente "Le Sens du Combat" era fatto di una particolare busta gialla). Musica assassina in perfetto equilibrio tra mente e cuore.

Voto: ◆◆◆
Label: Upupa produzioni/Fooltribe



0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ