giovedì 12 aprile 2012

Noise under dreaming - In Mine (Recensione)

Noise under dreaming - In MineSi parlava, da poco, se l’arte degli incanti e dei rumori abbia esaurito gli argomenti o se abbia ancora qualcosa da dire. Vorrei sbilanciarmi per quest’ultima ipotesi mentre passa "In Mine" del duo milanese Noise under dreaming (Matteo Chiamenti e Michele Ricciardi) quattordici massaggi mentali che delicatamente ti smontano i riflessi e ti fanno letteralmente galleggiare come loto nell’acqua o polvere nel vento, un chillout svenevole di ricordi, afflati e ombre placentari affidato a cordami acustici, elettrici, intensità elettroniche, field immaginari e gocce di malinconia che pervadono, insinuano e catturano tutto quello che l’anima tende a nascondere; un disco di presagi e determinazioni a stupire l’ascolto attraverso passaggi obbligati e frenesie contrassegnate.

Certo la radice crepuscolare gioca molto e non da meno l’elaborazione che rasenta la perfezione, implosioni ed esplosioni s’inseguono dentro una clessidra riempita da delicatessen psichedeliche mentre il tempo passa e tutto ruota su se stesso interminabilmente; tracce tenui come a sfiorare il pallido tepore di una “devianza” nuova “En plein air”, cortocircuiti Oldfieldiani “Noise under my wish”, “Monocroma”, suggestioni liriche immaginifiche e di carta paglia “For nothing”, stupende sintomatologie mantriche Afrikaner che copulano con atmosfere di trasfigurazioni alla MomixLullaby for lovers”, tensioni d’archi e nuvole cariche di malinconia “Sinfonia per menti distratte primo/secondo/terzo movimento”, il pianoforte che fa da collante con gli arcani vocali della stratificazione sonora delle meglio occasioni “In deep”, come il violino strappacuore di Sara Primiterra che in “Better story” graffia l’animo cheto di chi ascolta.

Sì l’arte degli incantesimi non ha esaurito gli argomenti, i Noise under dreaming – oltre a darcene conferma – ci danno pure un brevetto di volo a tempo determinato per salire senza peso nella verticale sognante del loro giostrare magicamente la gravità terrestre.

Buon volo a tutti!

Voto: ◆◆◆◆
Label: Seahorse Recording


0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ