mercoledì 10 luglio 2013

The Clever Square - Ask The Oracle (Recensione)

I The Clever Square sono decisamente abbonati agli ep avendone già registrati quattro prima di Ask The Oracle, il primo ad avere anche una distribuzione fisica grazie alla giovane etichetta Flying Kids Records.
Quattro come i componenti della band, una formazione evolutasi col tempo dal duo originario e ben legata ad un immaginario musicale che pesca da band quali Sebadoh, Guided By Voices e Pavement senza farsi problemi a sbandierare le influenze già nei comunicati stampa.

Il gusto melodico è sicuramente uno dei punti di forza della band, che nei 10 minuti scarsi che servono per arrivare ai “titoli di coda” del disco riescono a centrare un paio di pezzi solari e dall'appeal immediato come “Jar Of Evil” e “February Is A Lie”, semplici e diretti con le distorsioni che si sfogano al momento giusto: peccato solo che la seconda sembri finire sul più bello, 2 minuti scarsi per un brano che poteva essere sviluppato ulteriormente per aggiungere qualcosa alla sua carica emotiva. Il lato più orgogliosamente lo-fi della band viene invece fuori assieme al banjo di “Yawn Parade Of Stings” e della conclusiva “Imaginary Latex Gloves” tentativi non troppo convincenti di portare le atmosfere del lontano Ohio nelle nostre terre in cui le buone impressioni derivano solo dalla strana commistione coi rumorismi di sottofondo della prima, troppo breve però nel suo minuto scarso di durata per non sembrare un semplice divertissement disimpegnato. In mezzo a queste due anime il ritmo coinvolgente di “Baby's Fun Trip”, in cui più che in altri punti dell'ep difetta però di personalità la voce di Giacomo D'Attore, quasi sempre indirizzata su un tono sguaiato che ricorda la schizofrenia vocale dei Pixies senza avvicinarsi minimamente al carisma ed agli eccessi di sir Francis Black.

I minuti passati ad ascoltare Ask The Oracle lasciano un sorriso sulle labbra, e la capacità di portare una certa gioiosità nell'animo è sicuramente un merito che non va sottovalutato nel giudicare il lavoro della band ravennate: altrettanto vero è che di scricchiolii se ne sentono parecchi, dalla voce non convincente (forse il vero elemento lo-fi del progetto, e non è detto che non sia voluto) alle atmosfere più rilassate che finiscono per farsi noiose. Val la pena farsi un'idea ascoltandoli sul bandcamp dell'etichetta, ma si può fare molto di meglio.

Voto: ◆◆◆◇◇
Label: Flying Kids Records


0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ