sabato 28 luglio 2012

Nient'Altro Che Macerie - Circostanze Ep (Recensione)


La nuova "scena" indie italiana, abbandonati i quasi insopportabili sintetizzatori che me l'avevano fatta odiare, sembra riappropriarsi dello spirito più aggressivo ed emotivo del rock. In tempi di crisi, come quelli che stiamo vivendo, è normale che i soggetti più deboli, quelli refrattari al qualunquismo dilagante, e più propensi all'introspezione, si decidano a dare un senso alle proprie disgrazie quotidiane trascrivendole in musica, una musica aggressiva, feroce che arriva dal cuore e viene forgiata dai propri muscoli.
I Nient'Altro Che Macerie sono un esempio lampante del ritrovato bisogno di dare una forma alle proprie paure e alle proprie personali disperazioni.
Musicalmente la band milanese si muove su coordinate bene precise, l'indie rock americano anni '90 dei Dinosaur Jr il punk trasmutato dei Nirvana, il post hardcore dei Drive Like Jehu e degli Unwound. Il tutto viene tritato assieme e rivisto da tre giovani menti con i piedi ben piantati nel 2012. Si perchè il 2012 è il 1994, lo sanno tutti.
Il disco si apre con "Respira" un riff furioso che si scioglie in un arpeggio "emo" doloroso. Musicalmente il pezzo regge e anzi è di forte impatto, ma sin dal primo ascolto possiamo accorgerci come il lavore dei tre dovrà, in futuro, concentrarsi sul cantato, spesso fuori fuoco e in alcuni passaggi abbastanza fastidioso,.
"Illusioni" è un esercizio in stile Raein ma senza lo spessore, e il mestiere, di Console. Vizio non lascia traccia, mentre Niente si guadagna una bella sufficienza con i suoi riff aggressivi e un testo finalmente all'altezza. La conclusiva "Tu Chi Sei?"" è un bel pezzo a metà strada tra Massimo Volume, i Cap 'n jazz e i  primi Verdena. Ecco, i Verdena, 15 anni fa facevano più o meno questa roba qui, ma la bella pensata di definirli i "Nirvana italiani" ne ha smontato il senso critico, erano ragazzini che facevano proprio un sentire lontano, elaboravano musica mettendo assieme vari aspetti della propria vita e le proprie passioni. Io ultimamente li sento ovunque quei Verdena li, non quelli dell'avvenuta beatificazione battistiana.

Tornando ai Nient'Altro Che Macerie; un lavoro interlucutorio, un'identità personale che resta abbastanza nascosta e che in futuro non avrà difficoltà ad imporsi sulle influenze. Altro discorso meritano i testi, ancora troppo adolescenziali, buttati a volte a caso e mai del tutto contestualizzati musicalmente e il cantato colpevolmente troppo molle per chitarre così intense.

C'è da crescere e c'è da star certi che lo faranno.

Voto: ◆◆◆◇◇

Label: Autoproduzione




0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ