mercoledì 12 settembre 2012

Giulia Millanta - Dust and Desire (Recensione)


Chi conosce la musica della cantautrice fiorentina Giulia Millanta sa e capisce cosa spinga dentro il cuore ad aspettare, non senza impazienza, ogni suo suono, pensiero e non da meno, disco, quella buona e sana “impanzata” di grazia e personalissima bellezza che una volta ascoltata ti apre, come in uno specchio e in una dolce tensione, una dimensione cantautorale che suggestiona al pari di uno sfondo di sogno da colorare a piacimento.
Dropping Down ci aveva pizzicato l’anima, ma ora con il nuovissimo “Dust and Desire”, sei inediti e due cover registrati quasi interamente live al “Church House Studio” di Austin in Texas, la Millanta incanta veramente con una amalgama di timbri e linguaggi  “di frontiera”, mex-sausaliti, intimi e introspettivi, una discrezione cristallina che fonde ingredienti armoniosi e sapori tradizionali del cantautorato nostrano, ma in fondo la sua musica è terra di nessuno, debolezza e coraggio, veemenza e prosaicità tutta femminile con quelle stupende linee sinuose di poesia che confondono e ammaliano; il pensiero corre agli accenti folk che ogni tanto luccicano nelle canzoni, quelle porporine alla Sheryl CrowDon’t make a fool of me”, Jenny Lewis “Floating cannonball” e quel magnifico azzardo di stop & go acustico di chitarra che bussa forte su “Dust and Desire” e sulle spalle di una Ani DiFranco, tutto quello che suona nel poi è un abbandono, un lasciarsi trasportare “dove ti porta il mood”.
Prodotto insieme a David  Pulkingham (chitarrista già alla corte di REM, Marc Ribot, Springsteen) Dust and Desire è un disco di autorevolezza e fascino, un vero elemento trascinatore che incentra tutto il suo valore e non solo è anche l’omaggio alla terra messicana con la rielaborazione del  traditional “La llorona”, la murder ballad “Little girl” e l’arpeggio field dell’immaginifica “Mi chiamavano Lulù”, un porzione di favola e una di realtà urbana che si infila nella testa con la sua dolcezza dinoccolata e timidona e non ti abbandona per un bel po;  accompagnano l’artista Millanta, qua e la nel diametro del disco oltre appunto a Pulkingham alla chitarra classica ed elettrica Brian J. Standefer violoncello, Fulvio A.T. Renzi violino e Hector Munoz alle percussioni, ed a questo punto è impossibile sbagliare, se cercate una cosa che girando produce bella musica accattivante e sensuale, ficcate gli orecchi qui dentro e  dimenticherete di tirarli fuori. E non potrebbe essere altrimenti.

Voto: 
Label: Ugly Cat Music


0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ