martedì 7 maggio 2013

Voina Hen - Finta Di Niente Ep (Recensione)

Ho cominciato ad ascoltare questi 4 pezzi dei Voina Hen senza sapere niente di loro, né la provenienza né il genere né il numero di scarpe. Mi fa specie quindi, dopo una buona dose di ascolti, vedere l'etichetta post-grunge associata al loro nome, ben più dell'attitudine punk che altrettanto viene loro cucita addosso nei comunicati stampa e che ha un minimo senso in alcuni punti dell' Ep Finta Di Niente, secondo lavoro della band abruzzese (ora lo so di dove sono!) dopo un omonimo album. Detto che 4 brani sono pochi per poter giudicare un gruppo e che la definizione post-grunge io l'ho sempre letta come commento denigratorio c'è da dire che di nineties i Voina Hen hanno ben poco, al massimo qualche riflesso del riflesso, tipo avere atmosfere che in qualche punto rimandano ai Verdena più riflessivi di inizio carriera.

Non è il caso però di “Algeria”, il brano con cui si apre il disco. Un ritmo tutto sommato abbastanza contenuto e senza sobbalzi viene nobilitato da un cantato nervoso e da una chitarra dai saltuari accenni indie, e pur non essendo un capolavoro riesce ad incuriosire e a mantenere alta l'attenzione fino al passaggio alle atmosfere più rarefatte (ma senza esagerare) di “Le Pietre”. Il ritmo rallenta ancora un poco, la voce resta nervosa ma i ritornelli si fanno veicolo di emozioni nostalgiche, e la cifra stilistica se proprio si deve fare un paragone si può accomunare senza andare lontani né cronologicamente né geograficamente ad alcune cose dei Cosmetic. Di tutt'altra pasta la title track, veloce, potente e con qualche influsso post-hardcore che dà un ottimo sapore al risultato finale: sicuramente il brano più azzeccato, utile anche a giustificare un minimo l'attitudine punk sbandierata fieramente. “Summer On A Solitary Beach” del maestro Battiato chiude invece con atmosfere nuovamente nostalgiche, anche se le emozioni qui vengono veicolate in maniera cupa, complice un basso più presente ed arpeggi di chitarra efficaci da disagio contenuto.

Un ascolto piacevole questi 15 minuti scarsi passati in compagnia dei Voina Hen, troppo pochi però per poter dare un giudizio definitivo su una band comunque emotivamente interessante. La vena più tranquilla funziona meglio in “Le Pietre” che nella traccia conclusiva, ed il rischio per il futuro è quello di non riuscire a veicolare le emozioni alla stessa maniera in cui ci riescono qui: sarà utile sicuramente insistere nel solco nervoso di “Finta Di Niente”, l'alternanza di atmosfere è un punto a favore di cui già si può fregiare questo piccolo e veloce assaggio, oltretutto in free download qui.

Voto: ◆◆◆◇◇

Label: Autoproduzione


0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ