giovedì 31 gennaio 2013

Quarzomadera - L’Impatto (Recensione)

Un disco che frequenta questi tempi diaframmici, occhieggia al futuro avendo solide radici in un rock d’altri tempi inteso come retaggio classico ma che non sfigura (e può dare infinite ripetizioni) davanti a tante produzioni alternative che invece che stimolare l’ingegno, “stimolano” naturali funzioni fisiche. Stiamo parlando de “L’Impatto” terzo e nuovo disco della carriera sonora dei Quarzomadera, formazione lombarda che non va tanto per il sottile quando si tratta di fare suono e destabilizzare un poco le già tante acque agitate underground, e lo fa senza nessuna pretesa di sconvolgere scene o ribalte, ma con la potenza della schiettezza e di una tecnica eccellente.

Dieci soluzioni sonore che danno luce ad una tracklist “mixata”, piena di stili, e timbriche che diversificano la proposta e che consolidano un ascolto interessante e “ da menù” goloso per chi non ama la noia delle cose seriali; la triade dei Quarzomadera esprime quella sicurezza listening, non si allarga a forme sofisticate o – meno male - ad estetismi spocchiosi, ma argomentano il loro rock, il loro idioma sonico con ballate e brani estremamente soddisfacenti, ottimi per momenti pacatamente trasgressivi o se si va in cerca di hooks di carica per una giornata da affrontare; chitarre, tastiere, ombre anni Ottanta, pennellate psichedeliche, radiofonicità e un caratteristico vezzo cantautorale, fanno di questo disco una sana sensazione di “luogo ideale” dove rifugiarsi e ritornare a rimodulare le proprie visioni.

Ma anche un luogo in cui impossibile non apprezzare le ventate distorte e in wha wha di “Nebula”, la modulazione estatica di “Incanto”, la dilatazione di “L’asceta”, la scura wave che tinge “Spore” o il fumigante trip strumentale che “Piccoli scheletri nell’armadio” regala a chiunque vi salisse a bordo; sì, senza dubbio un ascolto che coincide con un disco ispirato e da consacrare, una tracklist che proprio con la stupenda ballata di penna aperta “La soluzione” chiude uno spiraglio di abbandono che non sempre capita di intercettare, e loro, i Quarzomadera sono sempre sullo start per farcelo riappropriare e godere.


Una garanzia oltre le mode.


Voto: ◆◆◆◇◇
Label: Videoradio

0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ