venerdì 28 novembre 2014

La Fine - Scontento (Recensione)

Se ci fosse una strada più facile da intraprendere per esprimere le proprie sensazioni, arginare la monotonia del presente, gridare in faccia agli altri il proprio disagio irrequieto, senz'altro la musica è una delle vie percorribili. Lo sa bene La Fine, band che nell'arco di un solo anno solare è riuscita a confezionare un mix perfetto di emozioni e rabbia in "Scontento", disco d'esordio in uscita a dicembre.
 Un lavoro repentino ma ben fatto, che in poco più di un quarto d'ora racchiude la sintesi di alcune giovani vite incerte. E' proprio dalla mancanza di certezze che spesso l'arte partorisce i risultati più incredibili, trasformando rabbia in parole, suoni in immagini, vicissitudini intime e personali in un prodotto pensato per tutti. Dalle prime note violente di Precipizio e dalle sfuriate isteriche de La nostra vita fra mille morti emergono chiaramente i tratti distintivi di un post hardcore amalgamato in maniera saggia al noise e al postrock americano, frutto di una scelta che non esclude la duttilità di comporre testi di un'importanza rilevante. La disperata e malinconica Cemento ricopre il cuore di un miele amaro, prima di riportarci a sonorità più rudi con Il futuro è un tempo sbagliato e a quelle crudeli di Ilaria. L'apocalittica Verrà la fine è solo il preludio al potentissimo epilogo affidato a Perchè la gente nasce, un grido di odio e dolore nei confronti di un'umanità verso la quale non nutrire più un briciolo di fiducia. 

Il viaggio introspettivo intrapreso per conoscere se stessi, La Fine lo ha preparato nel migliore dei modi. Un esordio che viene dal profondo dello stomaco nauseato e deluso dalla precarietà dell'esistenza, dal susseguirsi di giorni instabili e grigi e dall'avvicendarsi di amori disperati e deludenti. Un lavoro essenzialmente autobiografico e dotato della giusta cattiveria che occorre per distruggere i piccoli palchi della penisola e per mostrare al pubblico i segnali di una catastrofe vissuta e annunciata. 

Voto: ◆◆◆◇◇
Label: Superdoggy Music

0 comments:

Posta un commento

 
© 2011-2013 Stordisco_blog Theme Design by New WP Themes | Bloggerized by Lasantha - Premiumbloggertemplates.com | Questo blog non è una testata giornalistica Ÿ